Che cos’è in realtà la psicoterapia?

13. aprile 2022

Che si tratti di un virus influenzale persistente, di un mal di testa ricorrente o di una distorsione al polso, il nostro medico di famiglia è il primo interlocutore di cui ci fidiamo. Esitiamo ad andarci o forse ci sentiamo addirittura a disagio? La maggior parte risponderebbe a queste domande con un secco “no”. Ma perché oggi molte persone sono ancora così a disagio nel cercare un aiuto professionale per i problemi psicologici? Innumerevoli studi dimostrano che la psicoterapia può produrre cambiamenti notevoli e ripristinare una preziosa qualità di vita. Quindi perché non dovremmo voler beneficiare anche noi di questa possibilità di sostegno?!

Come funziona la psicoterapia? E cosa viene trattato?

Il termine psicoterapia comprende generalmente il trattamento mirato di disturbi psicologici e psicosomatici. Esempi di questo tipo sono:

  • Disturbi affettivi come depressione, mania e disturbo bipolare
  • Schizofrenia, disturbi schizotipici e deliranti come la psicosi
  • Disturbi nevrotici, da stress e somatoformi come fobie, ansia o disturbi ossessivo-compulsivi
  • Problemi comportamentali con disturbi fisici e fattori come i disturbi dell’alimentazione o del sonno
  • Disturbi della personalità e del comportamento, come il gioco d’azzardo borderline o patologico

L’obiettivo del trattamento terapeutico è migliorare in modo duraturo il modo di pensare, sentire e agire della persona interessata e superare le crisi acute. Le risorse esistenti devono essere attivate con l’aiuto del terapeuta e si devono apprendere modi alternativi di agire. “Aiutando le persone ad aiutarsi”, i pazienti dovrebbero anche aver appreso una serie di strategie dopo la terapia, per essere in grado di affrontare in modo appropriato lo stress e le situazioni difficili.

Fasi e durata della terapia

Il cosiddetto “colloquio iniziale”

Durante il primo colloquio, il terapeuta chiede al paziente di raccontare liberamente il motivo della sua visita e i suoi problemi. Il terapeuta farà anche alcune domande, ma è molto importante come o in quale ordine il paziente descrive i suoi disturbi. Alla fine della seduta, il terapista risponderà se il paziente con i suoi sintomi è nel posto giusto e se la psicoterapia ha senso.

Le sessioni di prova

Nelle due o cinque sedute successive, il terapeuta raccoglierà materiale diagnostico e cercherà di ottenere una panoramica dell’intero quadro clinico del paziente. È anche importante che si faccia una prima idea di come la terapia possa aiutare il paziente ad alleviare i suoi sintomi. Il paziente, a sua volta, può utilizzare queste ore per capire se la chimica tra lui e il terapeuta è giusta e se si può costruire un rapporto di fiducia. Se entrambe le parti giungono alla conclusione di voler lavorare insieme, il terapeuta presenta una richiesta di terapia a breve o a lungo termine alla compagnia di assicurazione sanitaria.

La “fase di lavoro”

Inizia il lavoro sul piano del trattamento individuale, per lo più a cadenza settimanale. Il terapeuta utilizzerà alcune tecniche per autare ad affrontare vecchi e nuovi sentimenti e ad attuare nuovi comportamenti. Le intuizioni possono essere incoraggiate, motivate, ma anche opportunamente confrontate.

Fine della psicoterapia

Quando gli obiettivi terapeutici prefissati sono stati raggiunti, è arrivato il momento di dirsi addio. Inizialmente, gli intervalli di tempo tra le sessioni possono essere prolungati per verificare e consolidare i cambiamenti elaborati.

La durata della psicoterapia dipende dall’obiettivo della terapia e può variare notevolmente a seconda del problema. Ad esempio, la terapia a breve termine comprende un massimo di 24 unità, quella a lungo termine anche 60 o più unità terapeutiche con circa 50 minuti di conversazione.

Non tutta la psicoterapia è uguale: forme di terapia

Esistono molte forme diverse di terapia, tutte basate su teorie e approcci terapeutici propri. Quale sia il più adatto per l’individuo dipende da vari fattori, come la gravità dei sintomi. Un altro fattore decisivo è la capacità del paziente di adattarsi al rispettivo metodo.

Terapia comportamentale: si presume che i modelli comportamentali o di pensiero problematici o inappropriati vengano appresi attraverso l’esperienza. L’obiettivo è sostituire gli schemi negativi con altri nuovi e soprattutto positivi.

Psicoanalisi: la repressione dei sentimenti e dei conflitti ha impedito in passato uno sviluppo sano. L’obiettivo è ora quello di scoprire e quindi risolvere i conflitti interiori.

Terapia psicologica profonda: anche in questo caso si parte dal presupposto che i disturbi attuali siano causati un conflitto psicologico interiore. Tuttavia, l’attenzione si concentra sul cosiddetto “conflitto centrale” e sulla ricerca delle cause nella personalità o nel passato.

Terapia sistemica: la malattia di una singola persona è qui indicata come sintomo di un disturbo nell’interazione di un intero sistema (ad esempio la famiglia). Le figure di riferimento devono essere incluse nel processo di recupero.

Quando ricorrere alla terapia?

L’inizio di una psicoterapia è sempre consigliabile quando pensieri, sentimenti e comportamenti influiscono sulla qualità della vita. Nei casi più gravi, la professione non può essere esercitata o i contatti sociali sono compromessi. Ci sono anche malattie mentali, come il disturbo narcisistico della personalità, in cui le persone affette riescono a convivere con i loro sintomi. In questi casi, sono piuttosto i familiari a soffrirne e a incoraggiare la persona colpita a cercare una terapia. Anche i sintomi fisici inspiegabili dal punto di vista medico sono un’indicazione per cercare un supporto professionale. Le persone colpite hanno spesso un lungo percorso diagnostico alle spalle e vivono una forte impotenza e disperazione. Da un lato, le malattie mentali possono essere la causa dei sintomi fisici, dall’altro la sofferenza mentale può derivare da questi ultimi.

Una risposta prevalentemente affermativa alle seguenti domande può facilitare la scelta della psicoterapia:

  • I disturbi si ripercuotono sulla vita quotidiana?
  • C’è una crescente perdita di interesse?
  • C’è più emotività del solito?
  • L’ambiente suscita preoccupazione?
  • C’è stata un’esperienza traumatica in passato?
  • Il consumo di stimolanti o di altre sostanze nocive è in aumento?

Chi cura e dove?

Dopo aver risposto alla domanda sulla necessità di una psicoterapia, si deve decidere dove e in quale contesto verrà effettuata la terapia. In linea di principio, la psicoterapia può essere condotta da uno psicoterapeuta o da uno psichiatra. Lo psicoterapeuta è colui che conduce la terapia del colloquio, solitamente settimanale, con il paziente e lavora sul confronto consapevole e sulle cause dei problemi. Lo psichiatra, invece, in quanto medico, si occupa anche della diagnosi fisica e prescrive i farmaci. In generale, per la maggior parte dei quadri clinici è consigliabile iniziare con la psicoterapia e, se necessario, utilizzare i farmaci come coadiuvante.

La questione del luogo in cui condurre la terapia dipende interamente dalla gravità dei sintomi. La terapia ambulatoriale è consigliata ai pazienti con un livello funzionale più elevato, che possono ancora gestire la propria vita quotidiana in modo indipendente. Il ricovero offre un contesto protettivo se i pazienti sono in pessime condizioni di salute, hanno partecipato a lungo alla psicoterapia ambulatoriale senza successo e mostrano un comportamento pericoloso per se stessi o per gli altri.
La psicoterapia, ambulatoriale o ospedaliera, può essere coperta dall’assicurazione sanitaria obbligatoria o svolgersi nell’ambito di una terapia privata o in una clinica privata. In alcuni casi, le strutture e i terapeuti sono specializzati in determinati disturbi psicologici, il che va tenuto in considerazione quando si cerca l’interlocutore giusto.

Infine, è importante sottolineare che è sempre consigliabile chiedere un parere professionale su un disturbo esistente e non esitare a sfruttare l’opportunità di ottenere aiuto e recuperare la qualità della vita.

Fonti
  • Deutscher Ärzteverlag GmbH: https://www.aerzteblatt.de/archiv/33595/Ambulant-oder-stationaer-Indikationskriterien, consultato il 02.04.2022.
  • Helle, Mark: Psychotherapie. Berlino, 2019.
  • Reimer et al: Psychotherapie. Heidelberg, 2007.

Categorie: Terapia

Verena Klein
Autor:in Verena Klein
"Die LIMES Schlosskliniken haben sich auf die Behandlung von psychischen und psychosomatischen Erkrankungen spezialisiert. Mit Hilfe des Blogs möchten wir als Klinikgruppe die verschiedenen psychischen Erkrankungen näher beleuchten und verschiedene Therapien sowie aktuelle Themen vorstellen."

Condividi questo post