Dal trauma al disturbo post-traumatico da stress

26. luglio 2022

Oltre un terzo dei tedeschi riferisce di aver vissuto almeno una volta un evento traumatico. Negli Stati Uniti è addirittura più della metà e nelle regioni di guerra arriva fino al 100%. Queste cifre fanno capire quante persone hanno dovuto subire non solo eventi con lesioni fisiche, ma soprattutto psicologiche profonde. Spesso le persone colpite riescono a elaborare e ad affrontare ciò che hanno vissuto dopo un po’ di tempo, ma a volte le risorse disponibili non sono sufficienti e le esperienze vissute pesano troppo: è in questi casi che si sviluppa il disturbo post-traumatico da stress (PTSD)

Quando si parla di trauma?

Il trauma descrive un’esperienza che ha una dimensione così minacciosa e catastrofica da superare la capacità dell’individuo di farvi fronte. Esempi di tali traumi sono:

  • Incidenti gravi
  • Disastri naturali
  • Abuso sessuale, fisico o emotivo
  • Atti di violenza
  • Guerra, prigionia, attacchi terroristici
  • Morte improvvisa di una persona cara
  • Malattie pericolose per la vita

Si distingue tra traumi di breve durata e traumi più duraturi o ripetitivi, nonché se il trauma avviene “per caso” o è stato deliberatamente innescato dalla forza umana. Le persone colpite sperimentano grande paura e orrore, uniti a impotenza e a uno scuotimento dell’immagine di sé e della visione del mondo. Subito dopo, quasi tutte le persone sperimentano ricordi stressanti, sensi di colpa o circoli di pensiero su come la situazione avrebbe potuto essere evitata. Soprattutto i traumi causati deliberatamente da persone o che sono durati più a lungo e si sono ripetuti spesso comportano conseguenze più gravi. Non è raro che si verifichino processi di adattamento in cui le persone colpite cercano di rendere le esperienze più sopportabili a livello mentale, emotivo o comportamentale. Se una grave traumatizzazione è già stata subita nell’infanzia o nell’adolescenza, l’intero sviluppo può essere danneggiato in modo permanente

Il trauma assomiglia al PTSD?

Per quanto il trauma possa essere grave, fortunatamente non tutte le persone sviluppano un disturbo da stress post-traumatico. Nella maggior parte dei casi, l’aumento del nervosismo e l’evitamento delle situazioni legate all’esperienza diminuiscono nel giro di giorni o settimane. Esistono diversi fattori di rischio e di protezione che influenzano il coping. L’età, ad esempio, è uno di questi fattori di rischio e i bambini, gli adolescenti e gli anziani in particolare hanno meno risorse per far fronte alla situazione. Traumi precedenti, esperienze infantili stressanti e malattie mentali, così come la mancanza di supporto sociale post-traumatico, possono favorire lo sviluppo del PTSD. Allo stesso modo, alcuni gruppi professionali come gli agenti di polizia, i soldati o i paramedici hanno un rischio maggiore di traumi perché devono affrontare più spesso eventi stressanti. D’altra parte, può avere un effetto protettivo se le persone colpite hanno sperimentato un certo grado di agency durante il trauma e sono state in grado di parlarne dopo l’esperienza

Importante: si stima che il 10-20% delle persone che hanno subito un trauma sviluppino un PTSD. La probabilità più alta è quella delle vittime di abusi sessuali, di altri crimini violenti, di incidenti stradali con lesioni personali e di malattie potenzialmente letali.

Ecco come si manifesta il disturbo da stress post-traumatico

I sintomi del PTSD di solito non compaiono immediatamente dopo un’esperienza traumatica. Di solito si sviluppano ulteriormente dopo la prima reazione acuta allo stress, si manifestano e spesso compaiono da mesi ad anni dopo. Le seguenti caratteristiche parlano in definitiva di un disturbo post-traumatico da stress:

  • Ri-esperienza
  • Evitare
  • Cognizioni negative e umore
  • Sovraeccitazione

Rivivere involontariamente il trauma

I ricordi spontanei o gli incubi dell’esperienza traumatica possono sopraffare le persone colpite e sono vissuti come incontrollabili. Mentre per alcune persone emergono solo frammenti dei ricordi, altre sperimentano i cosiddetti flashback, ovvero un ritorno allucinatorio all’esperienza vissuta. Non è raro che le persone reagiscano agli stimoli chiave del trauma, come il fumo nel caso di vittime di incendi o le urla nel caso di testimoni di incidenti, con stimoli fisici come il respiro corto, il battito cardiaco accelerato o la sudorazione

Evitare i fattori scatenanti

È tipico di chi soffre evitare certi ricordi, situazioni o persone che ricordano l’esperienza vissuta. L’evitamento può essere consapevole o inconsapevole. Le persone coinvolte in un incidente stradale, ad esempio, spesso evitano i trasporti pubblici o la guida, e le vittime di crimini violenti spesso non escono più di casa senza accompagnatore

Cambiamenti negativi nelle cognizioni e nell’umore

La gioia di vivere è spesso fortemente compromessa dal PTSD. Le persone colpite spesso perdono interesse per qualsiasi attività e si ritirano dalla vita sociale. Smettono di fare progetti attivi per il futuro e nutrono convinzioni o aspettative negative esagerate. Molti soggetti non riescono a provare nulla o provano forti emozioni negative come rabbia, tristezza o solitudine

Sovraeccitazione

Le persone che soffrono di PTSD hanno un’aumentata percezione delle minacce e delle tensioni attuali, che non di rado porta a scoppi d’ira, a problemi di concentrazione o a un aumento della vigilanza. Anche leggere un libro o guardare un film può diventare impossibile perché la capacità di attenzione si riduce. Anche i comportamenti autodistruttivi e i disturbi del sonno sono una conseguenza comune

Fondamentalmente, i sintomi del disturbo post-traumatico da stress variano notevolmente e possono assomigliare rapidamente a condizioni come la depressione o i disturbi d’ansia. È quindi importante escludere innanzitutto questi quadri clinici

Digressione: cosa succede nel cervello?

Gli scienziati continuano a ricercare i processi che avvengono nel cervello durante il PTSD. Gli studi attuali ipotizzano che il cervello memorizzi in modo errato le esperienze traumatiche e che questo impedisca un’elaborazione corretta. A tal fine, le aree responsabili dell’elaborazione delle emozioni sono presumibilmente ridotte e la concentrazione di alcuni neurotrasmettitori è alterata. Di conseguenza, il cosiddetto asse dello stress (asse ipotalamo-ipofisi) è mal regolato. Le persone affette da PTSD soffrono quindi di una continua reazione di stress dell’organismo. Inoltre, esistono numerosi risultati che riguardano il sistema nervoso autonomo e che ipotizzano uno squilibrio tra la parte attivante (simpatica) e quella rilassante (parasimpatica)

Metodi terapeutici efficaci

Se il disturbo da stress post-traumatico si è sviluppato a seguito di un trauma, è importante trattarlo precocemente e con un supporto professionale. Quanto più a lungo il PTSD non viene trattato, tanto maggiore è la probabilità che porti a gravi stress nell’ambiente privato e professionale. I seguenti metodi psicoterapeutici si sono dimostrati particolarmente efficaci:

Terapia cognitivo-comportamentale: l’obiettivo è far sì che il trauma diventi parte della memoria normale e prenderne le distanze. Qui i ricordi stressanti vengono rivisitati e successivamente rielaborati. I pazienti imparano strategie per affrontare i loro pensieri e sentimenti spiacevoli e per ripristinare la loro qualità di vita

Desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari (EMDR): L’EMDR agisce sui percorsi neurali del cervello. Il paziente viene guidato dal terapeuta a compiere movimenti oculari orizzontali a scatti mentre ricorda l’esperienza traumatica. La stimolazione bilaterale attiva e sincronizza entrambi gli emisferi del cervello in relazione a un evento traumatico. Si presume che le esperienze traumatiche siano inserite in reti di memoria incompletamente integrate

Terapia di esposizione prolungata (PE): anche in questo caso il paziente deve rimettersi nella situazione traumatica e rivivere il trauma con tutti i sentimenti negativi. In questo processo, la conversazione terapeutica viene registrata e i pazienti hanno il compito di riascoltare la registrazione il più spesso possibile. L’obiettivo è ridurre le forti reazioni emotive iniziali e quindi ridurre i sintomi del PTSD

Narrative Exposure Therapy (NET): questa forma di terapia si concentra sull’intera storia di vita del paziente. I traumi che non sono stati elaborati vengono affrontati con un’esposizione immaginaria. L’obiettivo è creare un’assuefazione alle reazioni di paura e integrare i traumi nella propria storia di vita

Esiste anche una serie di altri metodi di trattamento per il disturbo post-traumatico da stress, che illustra l’ampia gamma di azioni e quindi una realistica possibilità di guarigione. Inoltre, il trattamento può essere integrato da terapia occupazionale, arteterapia, musicoterapia e terapia del corpo e del movimento.

Categorie: Trauma

Verena Klein
Autor:in Verena Klein
"Die LIMES Schlosskliniken haben sich auf die Behandlung von psychischen und psychosomatischen Erkrankungen spezialisiert. Mit Hilfe des Blogs möchten wir als Klinikgruppe die verschiedenen psychischen Erkrankungen näher beleuchten und verschiedene Therapien sowie aktuelle Themen vorstellen."

Condividi questo post