L’obbligo di lavaggio – nell’eterna lotta contro virus e batteri

17. ottobre 2022

Disinfettate la maniglia di una porta prima di toccarla? Vi cambiate i vestiti più volte al giorno? Vi lavate le mani 60 volte al giorno o più perché ritenete di essere contaminati? Se rispondete di sì a tutte queste domande, probabilmente soffrite di una compulsione al lavaggio… o almeno siete sulla buona strada per farlo. E non sareste soli in questo. Circa un milione di tedeschi sono tormentati ogni giorno da pensieri di contaminazione e si sentono in dovere di agire contro di essi.

L’insopportabile paura della malattia

La compulsione a lavarsi è una delle manifestazioni più comuni del disturbo ossessivo-compulsivo. Le persone colpite hanno un’immensa paura dei batteri, della contaminazione e dell’infezione da malattie. Il contatto con vari oggetti o persone viene evitato a tutti i costi e richiede il lavaggio ripetuto e rituale delle mani, di tutto il corpo o persino dei vestiti dopo il contatto. Se questo rituale non viene osservato rigorosamente, spesso l’intero atto compulsivo deve essere ricominciato da capo. Il seguente caso esemplificativo illustra l’entità della menomazione: lasignora S. ha 36 anni e lavora come insegnante in una scuola elementare. Fin dall’infanzia ha sofferto di una grande paura di contrarre malattie e ha mantenuto un’igiene accurata. Nel 2020 si è verificato uno dei primi casi di corona con un decorso grave sul posto di lavoro. Da allora, i suoi sintomi sono aumentati in modo massiccio. “All’inizio andavo ancora al lavoro con una sensazione di estremo disgusto e nausea. Mi sono lavato le mani prima per cinque minuti, poi per dieci minuti e infine per tutta la pausa tra una lezione e l’altra”. Nel giro di pochi mesi, la situazione è precipitata: la signora S. non poteva quasi più prendere il treno per paura dei germi, non poteva più toccare nulla, evitava il contatto ravvicinato con gli alunni e con i colleghi, infine non andava affatto al lavoro e si lavava tutto il corpo per diverse ore al giorno. I suoi pensieri erano rivolti solo a una possibile infezione e fu presa dal panico quando non fu possibile lavarsi. Lasignora S. era ben consapevole che le sue paure e le sue azioni erano esagerate, ma si è ritirata sempre di più dal suo ambiente sociale per vergogna .

A che punto l’igiene è una costrizione?

Il passaggio tra l’igiene accurata e la compulsione a lavarsi avviene di solito in modo insidioso. Tuttavia, la compulsione clinica a lavarsi si distingue per le seguenti caratteristiche:

  • Pensieri ricorrenti di contaminazione che causano paura.
  • Si cerca di sopprimere questi pensieri o di neutralizzarli con azioni compulsive.
  • Le persone colpite si sentono costrette a reagire a questi pensieri e a lavarsi.
  • Le azioni sono esagerate e vanno ben oltre un’accurata igiene.
  • Elevato dispendio di tempo, più di un’ora al giorno.
  • I pazienti percepiscono i loro pensieri e le loro azioni come sgradevoli e restrittivi.

Perché chi ne soffre ha bisogno di lavarsi in continuazione

Come per molte malattie mentali, le cause della compulsione a lavarsi sono molto diverse: esperienzetraumaticheLe esperienze traumatiche sono il fattore scatenante più comune della compulsione a lavarsi. Soprattutto quando le persone colpite non ricevono alcun sostegno per affrontare l’esperienza, la psiche è spesso sopraffatta. La risposta è lo sviluppo di una compulsione o di rituali associati che danno di nuovo sostegno e sicurezza a chi ne soffre.Educazione Se un bambino non si sente amato da chi lo accudisce o viene trattato male, può svilupparsi un disturbo ossessivo-compulsivo, come la compulsione a lavarsi. Anche in questo caso si tratta di acquisire sicurezza. Crescere in una famiglia sporca o pulita non deve avere alcuna influenza su questo aspetto.Esperienze formativeUn’esperienza di questo tipo può essere direttamente collegata a una malattia, come nel caso della signora S. di cui sopra, oppure può essere uno stress straordinario causato dalla morte di un parente o da un atto di violenza. Soprattutto le persone che già soffrono di problemi di autostima e di molte insicurezze spesso cercano di riprendere il controllo sulla situazione che devono affrontare attraverso i sintomi ossessivo-compulsivi. Nel caso della signora S., c’è anche la minaccia di un nuovo tipo di virus, che non è stato possibile valutare all’inizio.Fattori neurobiologiciLe persone affette da compulsioni presentano un’iperattività in alcune aree del cervello, che porta a una comunicazione difettosa tra il cervello frontale e le strutture cerebrali più profonde. Inoltre, nei pazienti con lavaggio compulsivo è stata evidenziata una carenza del neurotrasmettitore serotonina. GeneticaDiversi studi hanno dimostrato l’insorgenza cumulativa di disturbi compulsivi in individui imparentati. I figli di genitori ossessivo-compulsivi e i gemelli sono particolarmente colpiti. In questo aspetto, tuttavia, gioca certamente un ruolo importante anche l’apprendimento modello delle compulsioni, il che rimanda in egual misura all’educazione.

Più persone colpite dalla pandemia di Corona?

Dall’avvento di Corona, il lavaggio e la disinfezione frequenti delle mani sono diventati la norma. A più di due anni dall’inizio della pandemia, sono stati condotti diversi studi sugli effetti dei disturbi ossessivo-compulsivi, come il lavaggio compulsivo. È importante ricordare subito che una simile pandemia non porta necessariamente al lavaggio compulsivo, ma può intensificarne uno già esistente! I risultati sottolineano questa affermazione: più di un terzo dei partecipanti allo studio ha riferito un peggioramento delle proprie compulsioni, e il peggioramento è stato particolarmente grave tra le persone con la compulsione a lavarsi.

Quali sono le conseguenze di una costrizione al lavaggio?

Come già accennato, la compulsione a lavarsi è spesso accompagnata dall’isolamento dovuto alla vergogna e al timore di infezioni. Inoltre, i rituali di lavaggio richiedono molto tempo, il che limita enormemente la qualità della vita. Per le persone colpite è spesso molto difficile accettare l’aiuto. Tutti questi fattori portano spesso alla solitudine e alla depressione. Fondamentalmente, la malattia presenta un’elevata comorbilità con i seguenti altri disturbi:

  • Disturbi da panico
  • Fobie sociali
  • Disturbi alimentari
  • Disturbi della personalità
  • Disturbo post-traumatico da stress
  • Disturbo da deficit di attenzione e iperattività

Oltre agli oneri psicologici sopra menzionati, il lavaggio compulsivo ha anche alcune conseguenze fisiche a lungo termine. È molto importante che il sistema immunitario entri regolarmente in contatto con i batteri in modo da rimanere attivo. Chi soffre di lavaggio compulsivo di solito non è esposto quasi per niente ai germi, il che significa che il suo organismo viene completamente sopraffatto quando entra in contatto con germi innocui. Inoltre, i lavaggi frequenti aggrediscono la pelle. Le persone colpite non solo hanno la pelle enormemente secca, ma spesso presentano anche crepe sanguinolente e infiammate, che a loro volta permettono l’ingresso di agenti patogeni nell’organismo. A questo punto, il circolo vizioso del lavaggio diventa chiaro.

Un passo importante: accettare l’aiuto!

In caso di compulsioni da lavaggio, soprattutto in uno stadio più avanzato e con un forte isolamento, è di grande importanza cercare un aiuto professionale. Questo è di solito un grosso ostacolo per chi ne è affetto, ma raramente questa malattia può essere vinta con le proprie forze. Spesso le frequenti e diverse comorbidità sopra citate rendono necessaria una degenza in ospedale. Il metodo terapeutico di scelta è solitamente la terapia comportamentale. L’obiettivo è trovare la causa scatenante del lavaggio compulsivo e lavorare su di essa. In questo processo, il paziente si confronta con le proprie paure e dovrebbe imparare che, nonostante il contatto con i batteri, non si ammala automaticamente. Questo può essere fatto iniziando da piccoli, toccando oggetti diversi senza lavarsi le mani dopo, e condividendo la paura con il terapeuta. Non appena un esercizio di confronto è stato padroneggiato con successo, l’intensità può essere aumentata gradualmente e il paziente può anche esercitarsi a uscire di casa e a tornare alla vita di tutti i giorni. Parallelamente, è importante che il paziente impari strategie alternative per affrontare il suo bisogno insoddisfatto di sicurezza, in modo che i pensieri e le azioni ossessive possano essere lasciati andare.

Riferimenti
  • Ambühl, Hansruedi: Disturbi ossessivo-compulsivi – Integrazione di prospettive terapeutiche psicodinamiche e cognitivo-comportamentali. Göttingen, 2017.
  • Jelinek, Lena et al: Disturbo ossessivo-compulsivo durante COVID-19: trasformare un problema in un’opportunità? Journal of Anxiety Disorders, 2021. DOI: https://doi.org/10.1016/j.janxdis.2020.102329
  • Teusch, Ludwig: Praxis der Personzentrierten Psychotherapie. Heidelberg, 2017.
  • Wittchen, Hans-Ulrich; Hoyer, Jürgen: Psicologia clinica e psicoterapia. Heidelberg, 2011.
Limes Schlosskliniken
Autore Limes Schlosskliniken
"La LIMES Schlosskliniken è specializzata nel trattamento di malattie mentali e psicosomatiche. Con l'aiuto del blog, come gruppo della clinica desideriamo approfondire le varie malattie mentali e presentare le diverse terapie nonché i temi di attualità."

Condividi questo post