I social media: conseguenza o causa della depressione?

26. luglio 2022

Probabilmente tutti ci sentiamo presi in contropiede quando ci viene consigliato di limitare il tempo trascorso sullo schermo per il bene della nostra salute mentale. Sul treno per andare al lavoro, a pranzo o la sera prima di andare a letto, i tedeschi trascorrono circa tre ore e mezza al giorno sui social media. Tre ore e mezza in un mondo pieno di immagini dei luoghi più belli del mondo, dei corpi più allenati e delle imprese più emozionanti. Il confronto con la propria persona e la propria situazione di vita può talvolta portare allo sconforto e a uno stato d’animo depresso. Ma perché è così e cosa possiamo fare per evitare che ciò accada?

Social media – potenziale di dipendenza

I social media sono in rapida evoluzione e in continuo cambiamento. La paura di perdersi qualcosa e di non essere al passo con i tempi continua a crescere, e con essa la durata dell’utilizzo. In Germania, circa il 90% delle persone di età superiore ai 14 anni è regolarmente attivo sui social media. Le persone sotto i trent’anni trascorrono una quantità particolarmente elevata di tempo online. Le piattaforme più popolari sono Facebook, Instagram e YouTube. Dal fitness, alla moda, ai viaggi, ai consigli per la realizzazione personale e il successo finanziario, la gamma di contenuti sembra illimitata. Con milioni di nuovi video, storie, rulli e immagini che appaiono ogni giorno, ce n’è per tutti i gusti. Non c’è da stupirsi che sia così difficile non cedere a tutto questo e sprofondare nella bolla dei social media

Effetti negativi sulla nostra psiche

L’enorme ruolo che i social media svolgono già nella nostra vita suggerisce che ci sono una serie di fattori che possono essere dannosi per la nostra salute mentale:

Confronto sociale: cerchiamo il confronto con gli altri per valutare meglio noi stessi. Questo non è un male in linea di principio, ma è facile dimenticare che i social media mettono un filtro sulla realtà. Il confronto costante con corpi impeccabili e un successo senza limiti può portare a dubbi e a una percezione distorta di sé, oltre che a una maggiore pressione sulle prestazioni. Chiunque sia attivo sui social media ha oggi a disposizione un’enorme quantità di persone di riferimento. Non è più possibile seguire solo i propri familiari, amici e colleghi di lavoro; anche le celebrità e gli influencer fungono da punti di riferimento

L’impegno di tempo: chi non si è mai accasciato davanti allo schermo? L’algoritmo ci invita a guardare un video dopo l’altro, lasciando sempre meno spazio alle nostre risorse offline. Dopo tutto, più tempo si trascorre online, meno se ne lascia per altre attività come lo sport e i contatti sociali nella vita reale. Può anche verificarsi una perdita di interesse per le attività precedenti

Sovraccarico di stimoli: l’enorme quantità di informazioni presenti nei social media sommerge rapidamente il nostro cervello, che ha una capacità limitata di accogliere nuove informazioni. Gli stimoli audiovisivi hanno un effetto particolarmente stimolante

La dipendenza dai like: quando i nostri post vengono apprezzati o condivisi e ricevono commenti positivi, il nostro corpo rilascia gli ormoni della felicità. Soprattutto quando abbiamo poche altre fonti di esperienze positive nella vita reale, queste sensazioni di felicità possono diventare rapidamente una dipendenza. Non è raro che si perda il controllo sull’uso di Internet e che si investa sempre più tempo ed energia nella lotta per il riconoscimento. Come nel caso di molte dipendenze, con il tempo si sviluppa una certa tolleranza, per cui è necessario consumarne sempre di più e possono verificarsi anche sintomi di astinenza

Depressione da social media

Risulta chiaro che il mondo dei media ha molti fattori che hanno un’influenza negativa sulla nostra psiche e possono favorire lo sviluppo di malattie mentali. Una malattia molto spesso legata ai social media è la depressione. Si manifesta principalmente con i seguenti sintomi:

  • Umore depresso
  • Mancanza di stimoli
  • Perdita di interesse
  • Difficoltà di concentrazione
  • Sentimento di inutilità
  • Disturbi del sonno

Nei casi più gravi, si può arrivare a comportamenti autolesionistici, pensieri o tentativi di suicidio. Anche disturbi fisici come mal di testa, tensione muscolare e disturbi dell’appetito possono essere indice di depressione.

Cosa dice la ricerca su social media e depressione?

Il legame tra l’uso dei social media e la depressione è da tempo al centro di ricerche. I criteri già citati favoriscono enormemente lo sviluppo di tale malattia. La maggior parte degli studi concorda sul fatto che la frequenza e la durata dell’uso dei social media sono associate al rischio di depressione. Si concentrano anche sugli effetti del confronto sociale con altre persone. Inoltre, si presume che gli utenti consumino soprattutto le informazioni che corrispondono al loro stato d’animo. Questo implica che se l’umore di una persona è già depresso, è più probabile che consumi contenuti in linea con esso, portando così a una spirale negativa

Un numero elevato di sintomi depressivi è presente nelle persone che condividono molto spesso contenuti sui social media e interagiscono con molti altri utenti. Nonostante l’alta frequenza di comunicazione, la solitudine era evidente, poiché questi individui di solito investono poco tempo in attività offline. I social media hanno anche un impatto sui modelli di sonno, in quanto gli utenti spesso si coricano con il laptop o il cellulare, che emette luce blu e sopprime l’ormone della melatonina, portando a un sonno più scarso. Un sonno scarso o insufficiente non è solo un sintomo di depressione, ma anche un fattore di rischio per la salute. Un altro tema importante è il cyberbullismo, che negli ultimi anni ha acquisito un’enorme rilevanza. I commenti negativi, gli insulti o la diffusione di immagini imbarazzanti o offensive non sono ancora sufficientemente prevenuti dalle aziende

Importante: sette giovani su dieci dichiarano di essere stati prima o poi vittime di cyber-bullismo. Le persone colpite tendono ad avere risultati scolastici peggiori, depressione, ansia, solitudine e disturbi alimentari.

Excursus: I social media come luogo di auto-aiuto e supporto

In effetti, finora la ricerca ha condotto più studi sulle caratteristiche rischiose dei social media in relazione alla salute mentale. Tuttavia, vale anche la pena di allargare un po’ la visuale e guardare ad alcune delle opportunità che i social media possono offrire

I social media sono sinonimo di possibilità di networking e di raccolta di informazioni a livello mondiale, accessibili in qualsiasi momento. Ci sono numerosi esempi di persone che riferiscono che proprio queste possibilità li hanno aiutati a superare la depressione. Una di queste storie, diventata virale nel 2015, è quella di Uwe Hauck. Il padre di famiglia del Baden-Württemberg ha inventato l’hashtag #ausderklapse su Twitter e lo ha usato per raccontare la sua depressione, il suo tentativo di suicidio, la successiva vita quotidiana in clinica e il processo di recupero. La comunicazione attraverso i social media è stata particolarmente positiva per lui, perché i contatti con gli amici e la famiglia erano difficili per lui durante questo periodo. La comunità online gli ha dato molti feedback positivi e lo ha incoraggiato. Ha conosciuto innumerevoli altre persone colpite e ha avuto la possibilità di imparare dalle loro esperienze. I social media possono anche essere utilizzati per trovare persone che condividono i propri interessi e le proprie convinzioni e quindi trovare ed esprimere la propria identità

Contrastare attivamente la depressione da social media

In sintesi, si può dire che i social media offrono molti rischi, ma anche alcune opportunità. Per le persone già malate, l’uso frequente, attivo e intensivo può aggravare la depressione, ma l’uso dei social media può anche causare l’intero problema in primo luogo. Come spesso accade, è importante valutare individualmente quale sia il livello salutare per voi e in che misura l’uso possa sostenere la vostra salute. Se si ha la sensazione di non riuscire a regolarla da soli, è sempre consigliabile consultare un esperto o un terapeuta

Di seguito sono riportate alcune strategie che possono aiutare a breve termine se si ritiene che i social media abbiano un impatto negativo sulla propria psiche:

1. utilizzare le risorse esistenti: Anche se il contenuto condiviso non gode di molta attenzione sui social media, di solito ci sono ancora amici e parenti nel mondo reale che possono darne notizia

2. Razionalizzare: Anche se la vita di una persona può sembrare così banale in contrasto con lo sfarzoso mondo dei social media, è importante essere consapevoli: Pochissime persone condividono eventi negativi come rotture, perdite di lavoro o conflitti

3. seguire i contenuti giusti: Oltre ai molti account che sembrano essere impeccabili, ce ne sono molti altri che sostengono l’autenticità e presentano un’immagine molto più realistica

3. determinare le condizioni quadro: è importante riflettere se il tempo di utilizzo giornaliero è buono nella misura in cui lo è e considerare in quali momenti della giornata e in quali situazioni ha senso utilizzarlo. È inoltre importante proteggersi dal cyberbullismo e dalle influenze negative e configurare le impostazioni di sicurezza di conseguenza

4. prendersi una pausa: Soprattutto quando vi rendete conto che i social media non vi stanno facendo bene, è giunto il momento di non usare le app per un po’ o addirittura di cancellarle dal dispositivo. È un emozionante esperimento su se stessi quello che succede dopo. Forse si manifestano sentimenti negativi? È importante chiedersi: di cosa ho veramente bisogno in questo momento? Un abbraccio, una pausa, un cambiamento…?

Riferimenti
  • Deutscher Ärzteverlag GmbH: https://www.aerzteblatt.de/nachrichten/129558/Soziale-Medien-mit-Depressionen-bei-Erwachsenen-assoziiert. Recuperato il 11.07.2022.
  • Stiftung Deutsche Depressionshilfe: https://www.deutsche-depressionshilfe.de/files/cms/Buendnisse/Dresden/News/2019/uwe_hauck.pdf. Recuperato il 12.07.2022.
  • KONTOR4 GmbH: https://www.kontor4.de/beitrag/aktuelle-social-media-nutzerzahlen.html. Recuperato il 10.07.2022.
  • Wolfersdorf, Manfred: Depressionen verstehen und bewältigen. Berlino, 2011.

Categorie: Depressione

Verena Klein
Autor:in Verena Klein
"Die LIMES Schlosskliniken haben sich auf die Behandlung von psychischen und psychosomatischen Erkrankungen spezialisiert. Mit Hilfe des Blogs möchten wir als Klinikgruppe die verschiedenen psychischen Erkrankungen näher beleuchten und verschiedene Therapien sowie aktuelle Themen vorstellen."

Condividi questo post