Disturbi d’ansia: Quando le paure influenzano la vita

23. marzo 2022

Ogni volta che guidiamo la nostra auto, siamo molto attenti, rispettiamo tutte le norme del codice stradale, non superiamo i limiti di velocità e portiamo regolarmente il nostro veicolo in revisione – eppure possiamo essere feriti mortalmente da un guidatore fantasma in autostrada. Mangiamo sano, beviamo a sufficienza, facciamo esercizio fisico e ci sottoponiamo a controlli preventivi, ma possiamo comunque avere un infarto. La consapevolezza di non potersi proteggere ogni giorno da innumerevoli pericoli, nonostante le misure preventive, richiede una gestione permanente dell’ansia. Di conseguenza, non sorprende che un gran numero di persone soffra di ansia e che i disturbi d’ansia siano tra i disturbi mentali più comuni nelle società occidentali benestanti.

Come si manifesta un disturbo d’ansia?

In generale, la paura è estremamente importante per la sopravvivenza, perché ci protegge dall’esporci a qualsiasi tipo di pericolo. Diventa problematica solo quando assume una vita propria, colpisce anche in situazioni innocue e provoca enormi limitazioni e sofferenze nella vita quotidiana. In questi casi, in cui un segnale di allarme significativo diventa un falso allarme, abbiamo a che fare con un disturbo d’ansia. I disturbi d’ansia possono manifestarsi con sintomi sia psicologici che fisici, eccone un estratto:

  • Inquietudine interiore
  • Disagio
  • Disperazione
  • Nervosismo e stress
  • Mancanza di concentrazione
  • Irritabilità e agitazione
  • Palpitazioni
  • Difficoltà respiratorie
  • Tremore
  • Nausea
  • Vertigini
  • Disturbi del sonno

I diversi volti del disturbo d’ansia

Non esiste UN solo disturbo d’ansia. Il meccanismo d’azione e i limiti di una malattia di questo tipo possono essere diversi quanto lo spettro dei sintomi. Si possono distinguere le seguenti forme di disturbi d’ansia:

Disturbi di panico: le persone colpite sperimentano attacchi di panico massicci e sono costantemente occupate a pensarci e a come prevenirli. Un attacco di questo tipo è una breve fase di estrema sofferenza, associata a un’enorme paura e a sintomi fisici e/o emotivi. Soprattutto durante i primi attacchi di panico, non è raro che le persone colpite provino una paura mortale; spesso vengono chiamate le ambulanze e viene effettuata una valutazione medica dettagliata. Gli attacchi di panico possono manifestarsi come reazione a una situazione specifica (ad esempio, l’imbarco su un aereo) o senza motivo apparente.

Disturbi fobici: questi includono la paura di situazioni specifiche (ad esempio, altezze o spazi ristretti) o di esseri viventi (ad esempio, ragni o cani). Si può osservare anche la fobia sociale, per cui le richieste sociali di tutti i giorni (ad esempio, parlare con gli estranei, mangiare in pubblico o parlare al telefono) sono molto ansiogene. L’agorafobia, invece, è la paura della folla. Le persone colpite hanno difficoltà a uscire di casa, a usare i trasporti pubblici, ad andare al cinema o a fare la spesa. Gli attacchi di panico possono verificarsi anche in presenza di un disturbo fobico.

Excursus: ci sono fobie specifiche che non causano quasi nessun problema perché la causa scatenante può essere facilmente evitata. Per esempio, chi ha paura di volare può andare in vacanza solo in regioni raggiungibili con altri mezzi di trasporto.

Disturbo d’ansia generalizzato: qui la preoccupazione e la tensione che possa accadere qualcosa di brutto sono quasi costanti. Le paure riguardano vari ambiti che preoccupano anche altre persone (ad esempio, che tu o una persona a te vicina possiate ammalarvi gravemente), ma sono molto più marcate di quelle di altre persone.

Come si sviluppa un disturbo d’ansia?

I disturbi d’ansia hanno un ampio repertorio di cause! Sono molto evidenti gli eventi formativi nella biografia di una persona. Ad esempio, chi è stato morso da un cane in passato potrebbe sviluppare una cinofobia, oppure chi è rimasto a lungo bloccato in un ascensore potrebbe avere paura degli spazi ristretti. Tuttavia, i disturbi d’ansia non sono sempre preceduti da specifiche esperienze di minaccia. Un’altra causa scatenante può risiedere nell’infanzia o in chi se ne prende cura, se non c’è stato un supporto adeguato nelle situazioni di paura. Questo può essere causato da un caregiver iperprotettivo che, con il suo comportamento ansioso, fa sì che il bambino percepisca il mondo come particolarmente pericoloso.

Allo stesso modo, i disturbi d’ansia possono derivare dal fatto che le prime persone che si sono prese cura del bambino sono state completamente indifferenti e non hanno mostrato alcuna comprensione per le sue paure. In questo caso, non è stato nemmeno possibile apprendere adeguate strategie di coping della paura. Anche esperienze traumatiche come separazioni o perdite, situazioni stressanti o richieste eccessive possono essere responsabili dell’insorgenza di un disturbo d’ansia. Inoltre, si presume che una certa componente genetica renda alcune persone più inclini a emettere ormoni dello stress rispetto ad altre.

La componente fisica come fattore scatenante diventa di nuovo evidente quando il disturbo si presenta come sintomo concomitante di malattie come i disturbi della tiroide, le crisi di pressione o gli attacchi d’asma. Infine, anche l’uso di droghe come l’ecstasy, altre anfetamine o grandi quantità di caffeina può scatenare l’ansia.

Affrontare l’ansia

La sofferenza di molte persone colpite è enorme e molto spesso affrontare l’ansia sembra impossibile. Tuttavia, l’unico modo per uscire dall’ansia è confrontarsi con essa. Due metodi diversi possono sostenere i pazienti nel loro percorso di ritorno a una vita autonoma:

  1. Terapia farmacologica per i disturbi d’ansia

Per determinare il farmaco giusto per un disturbo d’ansia, occorre innanzitutto distinguere tra terapia acuta e terapia a lungo termine. Molti farmaci per il trattamento dell’ansia presentano un elevato rischio di dipendenza se assunti per lungo tempo e dovrebbero essere prescritti solo in caso di attacco di panico acuto o per un periodo di tempo molto limitato. Il primo contatto in caso di disturbo d’ansia può essere il medico di famiglia, ma è necessario consultare uno psichiatra per l’assunzione regolare e prolungata di farmaci.

Uno psichiatra può valutare meglio se l’ansia è un sintomo di un’altra malattia mentale e se i farmaci devono essere adattati di conseguenza. Se si sceglie un farmaco con un potenziale di assuefazione, è essenziale che vengano adottate contemporaneamente altre misure terapeutiche, come il training per la gestione dell’ansia o la psicoterapia.

  1. Psicoterapia per i disturbi d’ansia

Nel contesto dei colloqui psicoterapeutici, le cause individuali e i fattori di mantenimento del disturbo d’ansia possono essere esaminati in aggiunta o in alternativa alla terapia farmacologica. Soprattutto se il disturbo esiste già da molto tempo, spesso si è già instaurato un circolo vizioso di paura e comportamenti evasivi che rendono la vita quotidiana più difficile per le persone colpite. Poiché le paure ricorrenti, in particolare, sono incredibilmente stressanti, le persone colpite tendono a evitare proprio queste situazioni scatenanti.

Si tratta di una strategia sostanzialmente sensata, ma non tutte le attività possono essere evitate così facilmente. Quanto più spesso una situazione viene evitata, tanto meno le persone colpite sono in grado di imparare che la catastrofe temuta di solito non si verifica e che sono in grado di gestire i loro sentimenti di ansia. Solo quando il circolo vizioso viene interrotto dal supporto professionale è possibile apprendere nuove strategie e riconquistare l’autodeterminazione e la libertà.

Nei casi più gravi, in cui i pazienti non sono in grado di lasciare la propria casa, di andare al lavoro o persino di mantenere le proprie relazioni, aumenta il rischio di depressione con solitudine e disperazione. In questi casi, si può prendere in considerazione un ricovero in una clinica psichiatrica.

Il ruolo speciale dei familiari

I familiari dei pazienti con disturbi d’ansia hanno un ruolo particolare nel contesto di questo disturbo mentale. A differenza di molte altre malattie, le persone colpite raramente negano o banalizzano i loro sintomi. Al contrario, molti malati cercano sostegno e rassicurazione dalle persone che li circondano. Non è raro che le persone vicine siano direttamente coinvolte nel comportamento di evasione e intraprendano attività come fare la spesa, portare a spasso il cane o accompagnare il malato ad appuntamenti fuori casa.

Il problema è che non solo si chiede molto ai parenti, ma anche loro diventano parte del problema. Consentono ai pazienti con disturbi d’ansia di mantenere il loro comportamento di prevenzione senza problemi e di migliorare i sintomi reali. Allo stesso tempo, il supporto è immensamente forte e importante.Un livello di assistenza benefico può essere descritto con l’esempio di una frattura ossea: all’inizio il paziente avrà bisogno di riposarsi, ma dopo poco tempo potrà iniziare la fisioterapia per rinforzare i muscoli. I parenti possono ricordare alla persona di fare gli esercizi e rimanere vicini in caso di necessità. Tuttavia, è impossibile eseguire gli esercizi per conto del paziente.

Fonti
  • Meermann, Rolf; Okon, Eberhard: Angststörungen: Agoraphobie, Panikstörung, spezifische Phobien. Stoccarda, 2006.
  • Nickel, Marius: Ängste, Zwänge und Belastungsreaktionen. Vienna, 2008.
  • Rupprecht, Rainer; Kellner, Michael: Angststörungen. Stoccarda, 2012.
  • Wagner, Elisabeth: Psychische Störungen verstehen. Berlino, 2021.

Categorie: Disturbi d'ansia

Verena Klein
Autor:in Verena Klein
"Die LIMES Schlosskliniken haben sich auf die Behandlung von psychischen und psychosomatischen Erkrankungen spezialisiert. Mit Hilfe des Blogs möchten wir als Klinikgruppe die verschiedenen psychischen Erkrankungen näher beleuchten und verschiedene Therapien sowie aktuelle Themen vorstellen."

Condividi questo post