Paura, rabbia e tristezza: come le emozioni negative influenzano la nostra salute

28. febbraio 2022

Tutti noi li abbiamo: ricordi della nostra vita a cui preferiremmo non pensare mai più e che vorremmo rinchiudere lontano. Il motivo è di solito la sensazione dolorosa e insopportabile che vi è associata. Sopprimere questi sentimenti è sostanzialmente possibile ed è un’importante strategia di sopravvivenza per alcune fasi della vita, ma non scompaiono a lungo termine. Sebbene il processo di soppressione sia spesso inconscio, richiede un’enorme quantità di energia e può essere dannoso per la salute mentale a lungo termine.

Ma cosa sono generalmente i sentimenti?

I sentimenti sono condizioni soggettive che si verificano ogni volta che i nostri pensieri interagiscono con l’ambiente, sia consciamente che inconsciamente. Sono generate dalla nostra interpretazione e ci mettono in relazione con altre persone in modo molto individuale. Con l’aiuto dei nostri sentimenti, abbiamo la possibilità di metterci nei panni degli altri e di capire le loro esigenze. Ci offrono anche l’accesso a noi stessi, evidenziando tensioni interiori e bisogni non soddisfatti. La base neuronale dei sentimenti è fornita dal sistema limbico, il centro emozionale del cervello. È strettamente collegato ad altre aree del cervello, che influenzano il nostro comportamento.

Perché e con quali strategie si possono reprimere i sentimenti?

Le ragioni per cui i sentimenti vengono repressi possono essere molto diverse. Credenze come: “I sentimenti sono una prova di debolezza”, “Non è giusto arrabbiarsi” o “Gli uomini non dovrebbero piangere” possono avere origine già nell’infanzia. Tuttavia, allontanare i sentimenti spiacevoli può anche essere un meccanismo protettivo per garantire la sopravvivenza psicologica. Le esperienze traumatiche non elaborate sono un esempio molto diffuso. Sebbene le strategie per reprimere i sentimenti negativi possano essere molto individuali, possono essere fondamentalmente divise in due gruppi:

Distrazione: valutando, mettendo in discussione e classificando razionalmente una sensazione, la nostra mente ha il sopravvento. Di conseguenza, il sentimento può essere più facilmente allontanato e liquidato come irrilevante o ridicolo. La mente può essere indirizzata a qualcosa di diverso dalla sensazione. La televisione, l’uso di internet, l’eccesso di uscite o di lavoro sono alcune manifestazioni classiche. Di conseguenza, non c’è spazio né tempo da dedicare ai sentimenti.

Anestesia: i meccanismi classici dell’anestesia, oltre a droghe come l’alcol o la nicotina, comprendono l’eccesso di cibo e la voglia di fare sempre nuove esperienze. Spesso questi meccanismi si verificano prima ancora che il sentimento negativo venga percepito consciamente.

Quali sentimenti negativi non vogliamo provare?

Esiste una serie di sentimenti negativi che possiamo reprimere , tra cui:

  • Paura
  • Rabbia
  • Invidia
  • Delusione
  • Gelosia
  • Tristezza
  • Pene d’amore
  • Aggressività
  • Preoccupazione
  • Odio

I tre più frequentemente repressi sono:

La rabbia è un’emozione molto forte che si manifesta più spesso in situazioni percepite come spiacevoli, ad esempio quando la personalità viene attaccata. Ha due funzioni molto importanti: da un lato, può creare paura in coloro che ci circondano, inducendoli a scegliere di cercare di rilassarsi, di fuggire o di confrontarsi con la situazione. D’altra parte, la rabbia ha anche un effetto stimolante per prepararci al conflitto. Quando si ammette la rabbia, possono manifestarsi sintomi fisici come l’accelerazione della respirazione, del battito cardiaco o della pressione sanguigna. La rabbia, in particolare, viene spesso repressa perché considerata inappropriata nella società odierna. Questo è particolarmente problematico perché può anche essere un impulso decisivo per il cambiamento e la risoluzione di conflitti e problemi.

Il lutto è un sentimento di dolore o di sgomento che si manifesta in situazioni che sfuggono al nostro controllo. Spesso è una reazione a un evento tragico, come la perdita di una persona cara, di un lavoro o di un rifiuto. Fondamentalmente, il lutto ci aiuta a elaborare ed è necessario per accettare le esperienze e per osare un nuovo orientamento. A livello fisico, può manifestarsi con stanchezza, disturbi del sonno, mancanza di appetito e di forze e malessere generale.

L’ansia ci aiuta a riconoscere in tempo i pericoli e ha un meccanismo di protezione. Ci fa sentire stressati, nervosi e ci rende più cauti e attenti. Fondamentalmente, l’ansia è scatenata da situazioni classificate come soggettivamente minacciose. Possono essere esami, visite mediche o preoccupazioni per altre persone. Tuttavia, l’ansia ci offre anche la possibilità di uscire dalla nostra zona di comfort e di essere coraggiosi. Offre l’opportunità di sviluppo e di fare qualcosa di nuovo. A livello fisico, l’ansia si manifesta tipicamente con tensione, aumento della frequenza cardiaca e sudorazione.

Perché i sentimenti repressi sono un problema

Reprimere i sentimenti richiede prima di tutto molta energia. La pigrizia, la spossatezza o la stanchezza si manifestano già senza che sia stata preceduta da alcuna attività. Questo può essere paragonato a una palla piena d’aria che si cerca di spingere ripetutamente sott’acqua. Funziona, ma richiede costante attenzione e sforzo. Nonostante l’elevato dispendio energetico, i sentimenti non scompaiono affatto, ma si accumulano nel tempo e tornano a galla sotto forma di disturbi fisici (come la pressione alta, i problemi di stomaco o le malattie cardiache), ma soprattutto di disturbi psichici. In questo caso, i sentimenti repressi si riflettono in stati di ansia, depressione, burnout o dipendenza.

In tutte le patologie che si basano su sentimenti repressi, la persona colpita a un certo punto non sa più cosa sta provando. Questo è molto negativo, perché i sentimenti sono il sistema di navigazione umano per distingue se qualcosa è buono o cattivo per una persona, e di conseguenza controllano i pensieri e le azioni. Non è più possibile lavorare per i propri sogni e obiettivi e si evitano i conflitti per evitare ulteriori sentimenti negativi. Questo, a sua volta, rende più difficile avere relazioni basate sui sentimenti. A causa dello sforzo costante, le persone colpite si accorgono anche di non essere pienamente presenti e, ad esempio, non riescono più a seguire le conversazioni con la massima attenzione.

Una cosa è reprimere i sentimenti negativi, ma il pericolo è quello di reprimere tutti i sentimenti positivi e non essere in grado di provarli. Di conseguenza, può insorgere rapidamente una sensazione di intorpidimento e apatia nei confronti della vita, nonché di isolamento.

Importante: molti scienziati concordano sul fatto che circa il 90% di tutte le malattie sono causate da retaggi emotivi. Questi lasciti sono costituiti da un insieme di sentimenti che rappresentano una sorta di registrazione del passato nel sistema nervoso. Questo suggerisce al subconscio di essere esposto alle stesse condizioni ambientali di allora.

Aiuto per l’autosufficienza o supporto professionale?

L’elaborazione del proprio mondo emotivo può avvenire in molti modi diversi. Ad alcuni piace parlare dei propri sentimenti, altri preferiscono fare esercizio fisico. In ogni caso, è molto importante che i sentimenti siano ammessi e non giudicati. I seguenti suggerimenti aggiuntivi possono proteggere dalla soppressione dei sentimenti:

  • Sfogare i propri sentimenti
  • Fare una lunga passeggiata nella natura
  • Lasciar uscire i sentimenti quando se ne ha voglia
  • Riflettere sul significato di un sentimento
  • Cogliere l’opportunità di imparare e crescere attraverso un sentimento
  • Elaborare i sentimenti attraverso il relax nella meditazione e nello yoga

Tuttavia, affrontare i propri sentimenti e lasciarli andare non significa perdere il controllo. Soprattutto quando si sta iniziando a esaminare i propri sentimenti e a trovare un buon modo per affrontarli, è necessaria un’estrema attenzione. Se non è possibile confidarsi con nessuno della propria cerchia di conoscenti, ci sono molti gruppi di autosostegno a cui è possibile aderire. Se questo non dà alcun sollievo e la vita quotidiana richiede più energia di quanta ne dia, è consigliabile rivolgersi a uno psicoterapeuta per l’assistenza professionale.

Fonti
  • Barnow, Sven; Reichenbacher, Christina: Gefühle Im Griff: Wozu man Emotionen braucht und wie man sie reguliert. Heidelberg, 2013.
  • Hansch, Dietmar: Erfolgreich gegen Depression und Angst. Heidelberg, 2021.
  • Lechner, Christina: Emotionsmanagement und Selbstregulation. Facharztjournal Clinicum (2017), vol. 3.

Categorie: Disturbi d'ansia

Verena Klein
Autor:in Verena Klein
"Die LIMES Schlosskliniken haben sich auf die Behandlung von psychischen und psychosomatischen Erkrankungen spezialisiert. Mit Hilfe des Blogs möchten wir als Klinikgruppe die verschiedenen psychischen Erkrankungen näher beleuchten und verschiedene Therapien sowie aktuelle Themen vorstellen."

Condividi questo post