Disturbo d’ansia: la nostra anima in crisi

09. marzo 2022

Mai come oggi così tante persone sono affette da disturbi d’ansia. Secondo le stime, una persona su quattro vive almeno un episodio di ansia nella propria vita, e gli avvenimenti mondiali attuali stanno accelerando enormemente il numero di persone che ne soffrono. La crisi di Corona Virus non è ancora finita, gravi disastri meteorologici come tempeste e alluvioni stanno attraversando il nostro paese e ora la guerra in Ucraina preannuncia già la prossima crisi. Tutti questi eventi scatenano in molte persone sentimenti di ansia, uniti a impotenza e preoccupazione per le conseguenze. La capacità di resistenza mentale di molte persone si sta gradualmente esaurendo a causa della modalità di crisi in corso.

Importante: i sintomi di ansia, stress e depressione sono aumentati dalla primavera del 2020. (Ministero federale dell’Istruzione e della Ricerca, 2020). Anche il numero di persone che cercano aiuto per la malatia mentale è in aumento, secondo i fondi di assicurazione sanitaria. (Techniker Krankenkasse, 2021)

Come una crisi grava sulla psiche

Una crisi è generalmente definita come una situazione difficile o il culmine o la svolta di una situazione. Anche dal punto di vista psicosociale, gli eventi che non possono essere superati, i conflitti o le circostanze che cambiano la vita possono causare uno squilibrio mentale e portare a una crisi. Le crisi psicologiche sono situazioni eccezionali in cui le strategie di soluzione abituali non funzionano più. Spesso i pensieri girano in tondo, sono dispersivi e non riescono ad arrivare a una conclusione sensata. Sentimenti come la solitudine, l’aggressività, la disperazione o la tristezza sono difficili da percepire o talmente intensi da sembrare quasi incontrollabili. Lo squilibrio mentale è spesso associato all’ansia, che blocca le funzioni cognitive, limita la percezione e rende difficile trovare nuove strategie per affrontare le situazioni.

Molte persone sperimentano una serie di fattori di stress psicologico a causa degli attuali eventi che si stanno verificando nel mondo:

  • Paura della perdita in relazione alle persone vicine
  • Solitudine dovuta a limitazioni dei contatti
  • Minaccia di malattia grave o di morte
  • Paure esistenziali dovute alla perdita del lavoro o a un reddito inferiore
  • Limitazione della libertà a causa della cancellazione di attività, festival ed eventi culturali
  • Paura per la sicurezza e la pace

Un’altra grande sfida è quella di vivere in realtà diverse. Per molte persone, superficialmente tutto sembra relativamente normale, nonostante le molte limitazioni. Nel loro ambiente non vengono distrutte né case né negozi, la maggior parte delle persone che si incontrano sono sane e c’è cibo a sufficienza. Il cervello dice: nessun pericolo imminente! Quindi, da un lato c’è la vita quotidiana, che sembra tranquilla e sicura, e dall’altro ci sono una miriade di minacce che arrivano ogni giorno attraverso i media. Immagini e racconti di sofferenza, distruzione ed escalation difficilmente tangibili, perché non corrispondono alla nostra immagine della realtà degli ultimi decenni.

Paure e disturbi d’ansia come crisi psicologica

Proviamo tutti sensazioni come il panico, la preoccupazione e la cautela, a seconda di quanto è attivo il nostro sistema di ansia. Sebbene lo spettro sia presente in tutti noi, la sensibilità del sistema d’ansia e la capacità di reprimere e affrontare la situazione differiscono molto individualmente. Un sistema di paura molto sensibile è un disturbo d’ansia. La causa risiede nella genetica e nelle esperienze passate. Malattie come il disturbo d’ansia generalizzato, il disturbo d’ansia specificamente legato alla salute e il disturbo ossessivo-compulsivo sono particolarmente scatenate dagli eventi mondiali attuali. Di conseguenza, non sarà più possibile disciplinare, ad esempio, le paure di contagio. L’intensità dell’ansia nella crisi dipende dai seguenti fattori:

  • Immediatezza della minaccia
  • Gravità delle conseguenze
  • Probabilità di conseguenze

In sostanza, un livello medio di paura è ottimale in caso di crisi e garantisce la capacità di agire. Troppa ansia rende difficile pensare e agire in modo orientato alla soluzione, troppa poca ansia non crea motivazione ad agire.

Il significato dell’ansia in una crisi

L’ansia è spiacevole, ma biologicamente e sociologicamente è un’emozione molto importante. Ci protegge dai pericoli e ci incoraggia a cambiare e a comportarci in modo sociale. Ogni manifestazione per la libertà e la pace, le donazioni per i rifugiati e i bisognosi e le persone che offrono riparo uniscono la società. L’ansia ha anche un’importante funzione fisica: l’aumento del battito cardiaco, della respirazione, della pressione sanguigna e della tensione muscolare ci rende più pronti ad agire. Anche la coagulazione del sangue viene leggermente aumentata, in modo da ridurre le emorragie in caso di ferite. Di conseguenza, la risposta fisica all’ansia può essere un salvavita. Per le persone che stanno fuggendo dalla guerra nel loro paese, così come per tutti coloro che le aiutano, la paura può essere una motivazione per il cambiamento in una crisi.

Intervento in caso di crisi e tecniche individuali di auto-stabilizzazione

Nella nostra vita quotidiana attuale dobbiamo convivere con molte incertezze, non sarà possibile eliminare tutte le minacce o prevedere cosa ci riserverà il futuro. Sebbene il ritiro nella sfera privata possa essere di sollievo nel breve periodo, l’elevata sensibilità del sistema d’ansia non migliora, anzi aumenta con un minore confronto con la realtà. Le seguenti strategie di coping possono essere utili per evitare che la vita sia segnata da un’ansia eccessiva su base quotidiana, anche in situazioni di crisi:

Mantenere i contatti sociali: che sia virtualmente o durante una passeggiata, parlare delle proprie ansie può avere un’immensa influenza sulla capacità di affrontare la situazione

Creare una struttura: alzarsi e andare a letto a orari prestabiliti, consumare i pasti o fare attività fisica possono fornire un sostegno nei momenti di crisi

Prendersi una pausa: non aggiornare l’app delle notizie tutto il giorno e parla anche di altri argomenti con chi ti sta intorno

Trovare relax: la meditazione, lo yoga o lo sport possono aiutare a calmare la mente

Rafforzare le risorse: diventare consapevoli dei propri punti di forza e delle proprie capacità può dare sicurezza

Se nulla di tutto ciò aiuta, è opportuno cercare un sostegno. Medici, psicoterapeuti o centri di consulenza possono offrire un’ampia gamma di supporto durante la crisi.

Fonti
  • Università di Bonn: https://www.uni-bonn.de/de/neues/088-2020, recuperato il 01.03.2022.
  • Ministero federale dell’Istruzione e della Ricerca: https://www.gesundheitsforschung-bmbf.de/de/nako-gesundheitsstudie-starkere-psychische-belastung-durch-corona-pandemie-12564.php, consultato il 02.03.2022.
  • Grimm, Anna; Hulse,Lynn; Schmidt, Silke: Risikowahrnehmung und psychologische Reaktionen in öffentlichen Krisensituationen am Beispiel von Terrorattentaten. Bundesgesundheitsblatt (2009), numero 52.
  • Krüger, Reinhard: Ängste und Stress infolge der Corona-Krise. Zeitschrift für Psychodrama und Soziometrie (2020), numero 19.
  • Techniker Krankenkasse: https://www.tk.de/resource/blob/2103660/ffbe9e82aa11e0d79d9d6d6d88f71934/gesundheitsreport-au-2021-data.pdf, consultato il 01.03.2022.

Categorie: Disturbi d'ansia

Verena Klein
Autor:in Verena Klein
"Die LIMES Schlosskliniken haben sich auf die Behandlung von psychischen und psychosomatischen Erkrankungen spezialisiert. Mit Hilfe des Blogs möchten wir als Klinikgruppe die verschiedenen psychischen Erkrankungen näher beleuchten und verschiedene Therapien sowie aktuelle Themen vorstellen."

Condividi questo post