Schema Therapy: il lavoro sui bisogni non soddisfatti

09. giugno 2022

La Schema Therapy è un metodo di trattamento innovativo che combina diversi approcci psicoterapeutici collaudati. Riunisce le misure di training cognitivo della terapia comportamentale, le tecniche di attivazione dell’esperienza della terapia della forma e la prospettiva orientata alla comprensione dei metodi psicodinamici. Soprattutto i pazienti con disturbi della personalità e depressione cronica, per i quali i tentativi di terapia convenzionale sono falliti, possono riporre grandi speranze in questo metodo.

Cosa sono gli schemi e come nascono?

Per schema si intende un modello tipico di sentimenti, pensieri e sensazioni che regolano il comportamento. Questo modello viene appreso durante l’infanzia e serve a soddisfare i bisogni emotivi di base, come un legame sicuro, l’autonomia, il controllo o la spontaneità. Se c’è una carenza nella soddisfazione dei bisogni, possono emergere schemi sfavorevoli che hanno conseguenze negative sul resto della vita e sulla formazione delle relazioni. Nonostante gli svantaggi, gli schemi e le strategie di superamento associate continuano a essere mantenuti. Esempi di schemi sono:

  • Abbandono/instabilità: convinzione che le relazioni importanti non dureranno e paura di essere abbandonati dagli altri
  • Diffidenza/abuso: paura di essere intenzionalmente feriti o maltrattati da altri
  • Inadeguatezza/vergogna: convinzione di non essere degni di amore, di attenzione o di rispetto
  • Isolamento sociale/alienazione: sentirsi diversi e incapaci di relazionarsi con gli altri
  • Dipendenza: sentirsi impotenti e incapaci di prendere decisioni senza l’aiuto di altri
  • Fallimento: convinzione di non poter avere successo per mancanza di talento
  • Ricerca di approvazione e riconoscimento: necessità di fare buona impressione per valere qualcosa

Modalità di schema

Questi schemi sono sempre associati ai cosiddetti modi, stati di esperienza ai quali si reagisce con un certo comportamento. Una modalità può essere attivata in determinate situazioni e cambiare rapidamente. Le modalità sono classificate come segue:

Mode Bambino
Queste modalità hanno origine nell’infanzia e aiutano a entrare in contatto con i bisogni di attaccamento, autonomia, riconoscimento e soddisfazione del piacere:

Bambino ferito: sentimenti di solitudine, mancanza di comprensione e abbandono
Bambino arrabbiato: sentimenti di rabbia quando i bisogni primari non vengono soddisfatti
Bambino impulsivo: comportamento impulsivo e indisciplinato per soddisfare bisogni non fondamentali (ad es. il consumo)
Bambino felice: i bisogni primari soddisfatti fanno sì che il bambino si senta amato e legato agli altri

Mode di Coping
Tolleranza: nelle situazioni in cui lo schema è attivato, non si fa nulla per cambiare la situazione. Ad esempio, si permette che si verifichino trattamenti negativi, seguiti da ritiro e solitudine
Compensazione: il comportamento è opposto a quello suggerito dallo schema. Ad esempio, dopo l’abbandono emotivo dei genitori, altri vengono sfruttati o si aggrappano agli altri attraverso la sindrome dell’aiutante
Evitamento: Il comportamento viene messo in atto in modo tale che lo schema non possa essere attivato. Ad esempio, dopo l’isolamento sociale dovuto all’esclusione dalla classe scolastica, si stabiliscono solo relazioni strette con la famiglia e i coetanei e non si compiono sforzi per un’ulteriore integrazione

Mode Genitore Disfunzionale
Le modalità genitoriali disfunzionali derivano dal fatto che la persona colpita ha interiorizzato il comportamento sfavorevole dei suoi genitori o di altri caregiver e ora si comporta lui stesso in questo modo.

Genitore punitivo: punisce il bambino, lo svaluta e lo maltratta emotivamente o fisicamente
Genitore esigente: esagera e critica il bambino in modo costante ed eccessivo

Mode Adulto Funzionale
Questo Mode dello anche Adulto Sano implica la consapevolezza dei propri sentimenti e bisogni e l’attenzione a soddisfarli in modo favorevole. Si stabiliscono limiti significativi e si assume la responsabilità delle proprie azioni senza richieste eccessive o svalutazioni.

Spesso sorgono tensioni interiori tra le diverse modalità. Un esempio potrebbe essere il conflitto tra la voce interiore del Mode Genitore (“Il compito deve essere svolto perfettamente e immediatamente”) e la reazione del bambino vulnerabile (che si sovraccarica e rimanda il compito). Se poi le persone colpite non riescono a ridurre la tensione interna, a lungo andare è proprio questo che porta alla malattia mentale.

Cosa succede tra terapeuta e paziente?

Lo scopo della Schema Therapy è quello di identificare i modelli di esperienza e di comportamento sfavorevoli e di modificarli a partire da una relazione terapeutica sicura, in modo tale che i sentimenti e il comportamento possano essere regolati meglio e i bisogni possano essere soddisfatti in modo favorevole. In questo processo, il terapeuta assume il ruolo di genitore in modo limitato: mostra apprezzamento e sostegno al paziente, facendogli sentire che i suoi bisogni fondamentali sono riconosciuti. Allo stesso tempo, gli fa notare i limiti e lo mette di fronte ai suoi comportamenti dannosi. In questo modo si possono fare esperienze relazionali che sono mancate nell’infanzia e nell’adolescenza.

È importante che i pazienti accettino il fatto che per il momento la tensione aumenterà di nuovo e che dovranno affrontare sentimenti spiacevoli dell’infanzia. Solo in questo modo è possibile correggere le esperienze passate con nuove esperienze emotive e imparare che le situazioni difficili possono avere un esito migliore oggi rispetto al passato. L’obiettivo è anche quello di costruire una distanza dalla propria esperienza o di sviluppare pensieri e sentimenti negativi.

In questo modo, il mode “adulto sano” si rafforza sempre di più e la persona colpita impara a soddisfare le proprie esigenze in modo adulto. Verso la fine della terapia, ciò che è stato appreso viene riportato sempre più nella vita quotidiana. Allo stesso tempo, il paziente dovrebbe distaccarsi gradualmente dalla relazione terapeutica e adottare strategie che evitino ricadute nei vecchi schemi comportamentali.

Approfondimento sulla Schema Therapy: il cambiamento attraverso il gioco di ruolo

Il signor S. ha 36 anni, è sposato e ha tre figli. Lavora in una posizione di alta dirigenza e qualche mese fa ha assunto il ruolo di leader di un altro team. Il signor S. è sempre stato molto preoccupato di non riuscire a svolgere i suoi compiti e soffre di insonnia, mancanza di energia e di appetito.

Poche settimane dopo aver assunto il comando, gli viene diagnosticata una grave depressione e il suo terapeuta riconosce che lo schema del “fallimento” gioca un ruolo importante. Il signor S. ha costantemente la sensazione di non essere abbastanza bravo e di non poter mai avere successo a causa di competenze insufficienti. Attraverso un esercizio di immaginazione, diventa chiaro che egli conosce questi sentimenti dalla sua infanzia. Ogni volta che aveva un conflitto con i compagni o prendeva un brutto voto, i genitori gli dicevano che la causa era la sua mancanza di capacità.

Per rompere e modificare uno schema di questo tipo, la terapia ricorre spesso a giochi di ruolo in cui i pazienti assumono simbolicamente il ruolo delle diverse parti interne. In primo luogo, il signor S. deve mettersi nei panni del “bambino interiore” in una determinata situazione e descrivere ciò che prova. Il terapista assume il ruolo di genitore e offre al signor S. le qualità genitoriali che gli sono mancate finora, nel senso di riconoscimento e apprezzamento per i suoi sforzi.

L’affetto e la cura emotiva possono fornire sicurezza, soddisfare il suo bisogno di attaccamento e rafforzare l’indipendenza e la fiducia  del signor S. In questo modo, può ridurre le sue convinzioni di fallire e la sua stessa pressione a esibirsi. Allo stesso modo, il suo senso di non essere all’altezza si ridurrà gradualmente e i sintomi della depressione scompariranno. Un altro approccio prevede che il signor S. stesso assuma il ruolo di “adulto sano” nella terapia e cerchi di dare al suo “bambino ferito” ciò di cui avrebbe avuto bisogno in una determinata situazione.

In questo modo, può anche riflettere dal punto di vista dell’adulto su come i suoi referenti avrebbero potuto comportarsi meglio con lui. Inoltre, il terapista potrebbe anche far assumere al signor S. il ruolo di “bambino felice”. L’obiettivo è di apprendere la facilità di gioco che consente di affrontare le sfide sul lavoro e sviluppare la capacità di gestire meglio lo stress e di prendere le distanze dai problemi.

E chi ne beneficia?

Come accennato in precedenza, la Schema Therapy è stata sviluppata per i pazienti che non riuscivano a ottenere alcun miglioramento con i metodi terapeutici convenzionali. Viene utilizzata in particolare per i disturbi mentali di lunga durata, come la depressione cronica o i disturbi della personalità. Gli studi dimostrano che i pazienti con disturbo borderline della personalità e disturbo narcisistico hanno particolare successo. Inoltre, viene spesso utilizzato per i disturbi d’ansia a lungo termine, i disturbi alimentari, l’abuso di sostanze e i disturbi relazionali.

Fonti

Categorie: Terapia

Verena Klein
Autor:in Verena Klein
"Die LIMES Schlosskliniken haben sich auf die Behandlung von psychischen und psychosomatischen Erkrankungen spezialisiert. Mit Hilfe des Blogs möchten wir als Klinikgruppe die verschiedenen psychischen Erkrankungen näher beleuchten und verschiedene Therapien sowie aktuelle Themen vorstellen."

Condividi questo post