Pet Therapy

25. ottobre 2021

Stare con gli animali ha un effetto positivo sul benessere mentale. Giocare o trascorrere del tempo con cani, gatti o cavalli, ad esempio, può aiutare le persone a trovare pace e distanza dalla stressante vita quotidiana. A volte gli animali diventano anime gemelle con cui condividere bisogni profondi. La pet therapy sfrutta tutti questi aspetti positivi dello stare con gli animali.

Come funziona pet therapy

Nella terapia basata sugli animali, l’animale è il co-terapeuta. Ciò significa che l’animale affianca il terapeuta e viene coinvolto nel processo. La responsabilità del processo terapeutico rimane nelle mani dell’uomo. Il team uomo-animale deve essere molto in sintonia. Se i cani vengono utilizzati come compagni di terapia, devono anche seguire un addestramento speciale – di cui parleremo più avanti.

L’animale come complemento del processo terapeutico

I gruppi professionali che spesso lavorano con gli animali includono psicoterapeuti, ergoterapisti, pedagogisti, educatori speciali, personale infermieristico e logopedisti. In tutte queste professioni, l’attenzione è rivolta alle persone che devono superare sfide particolari nella vita. L’inserimento dell’animale offre varietà, divertimento e sempre nuove occasioni di comunicazione. Ma perché la pet therapy è così importante, soprattutto nella psicoterapia?

Gli animali nella terapia dei disturbi mentali

La terapia assistita dagli animali si è dimostrata particolarmente efficace nel trattamento delle malattie mentali. Qui gli animali possono sostenere attivamente il processo di recupero. Ad esempio, la malattia mentale più comune – la depressione – è di solito accompagnata dalla perdita di gioia e dalla svogliatezza. Il contatto con gli animali può portare un primo sorriso sul viso e incoraggiare intuitivamente l’attività. Spesso il contatto con l’animale offre occasioni di conversazione, dalle quali si ricavano le fasi della terapia. Nella psicoterapia infantile e giovanile, capita addirittura che il paziente comunichi all’inizio esclusivamente con l’animale e solo gradualmente si apra al terapeuta.

Gli animali amano incondizionatamente

I disturbi mentali spesso portano a un abbassamento dell’autostima. Le persone colpite si chiedono se siano “giuste”, così come sono. Questi dubbi su se stessi portano spesso all’isolamento e a difficoltà di contatto. Gli animali da terapia possono essere molto curativi, perché godono di ogni forma di contatto e, se trattati correttamente, mostrano il loro amore incondizionato. Anche l’apparenza non gioca alcun ruolo nel contatto con gli animali: l’animale accetta la persona così com’è.

Animali come modelli di vita qui e ora

L’addestramento alla consapevolezza – cioè all’essere presenti nel qui e ora – si è rivelato un importante pilastro della terapia per le malattie mentali. Gli animali sono il miglior esempio di questa presenza: non si soffermano sul passato né si preoccupano del futuro. La loro esperienza è sempre determinata solo dal momento immediato. In questo modo, l’animale può essere un’ancora nel qui e ora e rendere più facile per il paziente concentrarsi sul momento e lasciare andare i pensieri e i sentimenti negativi.

Il cane da terapia: l’esempio migliore

Il cane viene spesso utilizzato come co-terapeuta. Ciò è dovuto anche al fatto che si tratta di uno degli animali domestici più comuni. Ma molte altre caratteristiche rendono il cane un perfetto compagno di terapia. Ad esempio, i cani sono molto sensibili all’umore dell’altra persona. Sono in grado di rispecchiare gli stati emotivi della loro controparte, ma anche di regolarli. Pertanto, i cani sono irrequieti quando l’uomo è irrequieto e rilassati quando l’uomo è rilassato. Un cane da terapia addestrato, tuttavia, “tollera” anche quando l’altra persona è ansiosa, tesa ed emotivamente disturbata. Egli interagisce comunque e può così alleviare gli stati di ansia e di stress.

Altre interazioni con un cane da terapia

I cani amano interagire con le persone e amano essere accarezzati. Questo da solo può essere di grande beneficio per le persone affette da malattie mentali. Inoltre, i cani possono apprendere comandi che il paziente può praticare con il cane. Questo rafforza l’autostima del paziente ed è semplicemente divertente! Naturalmente, il cane deve essere idoneo all’uso come cane da compagnia per la terapia e deve essere addestrato in modo specifico. Deve essere socievole, aperto e anche ben addestrato, in modo che sia possibile una cooperazione sicura tra il terapeuta, il cane e il paziente.

Attività di pet therapy

A volte è già benefico trascorrere del tempo con gli animali nella natura. Qui sono ideali le passeggiate con cavalli, asini, alpaca o lama. Per i pazienti che soffrono di svogliatezza, questo può essere un’ottima motivazione per muoversi e prendere aria fresca. Portare a spasso un animale viene vissuto come un compito che quasi tutti i malati mentali possono gestire bene. In questo modo, gli animali fanno uscire i pazienti dal loro ritiro con delicatezza e senza grandi richieste di prestazioni, rafforzando la loro fiducia in se stessi.

Tante ragioni per pet therapy!

Tra le persone e gli animali può nascere un legame profondo che difficilmente può essere espresso a parole. Quasi tutti amano essere circondati da animali. Pertanto, la terapia assistita dagli animali può promuovere in modo sostenibile il processo di guarigione o la realizzazione delle persone. In sintesi, la pet therapy ha i seguenti obiettivi:

  • Rafforzare l’autostima
  • Sviluppare delle attività
  • Formare delle capacità di comunicazione e interazione
  • Contatto benefico senza giudizi
  • Educazione alla mindfulness
  • Aprire la porta a emozioni precedentemente represse

Alla LIMES Schlossklinik Fürstenhof offriamo terapie e attività assistite dagli animali per i nostri pazienti. Per saperne di più, rivolgiti alla reception.

Fonti

Beetz, A. M. (2016). Tiere in der Therapie: Wissenschaftliche GrundlagenRecuperato il 15 agosto 2018.

Categorie: Terapia

Friederike Reuver
Autor:in Friederike Reuver
"Die LIMES Schlosskliniken haben sich auf die Behandlung von psychischen und psychosomatischen Erkrankungen spezialisiert. Mit Hilfe des Blogs möchten wir als Klinikgruppe die verschiedenen psychischen Erkrankungen näher beleuchten und verschiedene Therapien sowie aktuelle Themen vorstellen."

Condividi questo post