Mentire, negare, intimidire – malati di mente attraverso il gaslighting

12. settembre 2022

Quasi tutti sono stati manipolati, consciamente o inconsciamente, nel corso della loro vita. Queste manipolazioni, che di solito sono di lieve entità, devono essere distinte da un fenomeno che da qualche anno viene chiamato gaslighting. Questa manipolazione particolarmente forte e continua, che è una forma di abuso emotivo, purtroppo non è rara e senza un intervento porta spesso a gravi malattie mentali.

Un tipico caso di gaslighting

“C’è stato un momento in cui ho pensato che stavo perdendo la testa!”. Sabine, 34 anni, ricorda la relazione di lunga durata con il suo compagno Steffen. Per tutta la durata della relazione lui ha cercato di convincerla che era emotivamente instabile, che si stava immaginando varie cose e che nessun altro avrebbe voluto stare con lei. Affermazioni come: “Penso che tu abbia bisogno di aiuto urgentemente!”, “Sei così sensibile!” o “Che aspetto hai? Sei troppo grassa!” all’inizio si presentava sporadicamente, ma col tempo ha cominciato a dominare la vita quotidiana. Si è trattato di un processo graduale, tanto che all’inizio Sabine non si è resa conto di quanto Steffen fosse manipolatore. A un certo punto cominciò a dubitare di se stessa e a chiedersi se fosse nel giusto quando dalla borsa sparivano soldi che non aveva speso o quando la piastra non veniva inspiegabilmente spenta. Steffen le ha assicurato il suo sostegno nonostante le sue condizioni apparentemente instabili. Sabine si vergogna del suo inspiegabile comportamento e si allontana sempre più dalla famiglia, perché apparentemente solo Steffen sa cosa è bene per lei.

Come agiscono gli autori e le vittime?

Come si può osservare nell’esempio precedente, nel gaslighting le persone vengono manipolate in modo tale da dubitare della propria percezione e assumere una rappresentazione distorta della realtà. Diventano sempre più insicuri, si sentono impotenti e si isolano dal loro ambiente sociale. Gli autori hanno spesso una personalità narcisistica e cercano di accrescere la propria autostima attraverso le loro azioni e di ottenere conferme attraverso la dipendenza dell’altra persona da loro. Solo raramente gli autori sono inconsapevoli delle loro azioni manipolatorie.Importante: il gaslighting non avviene solo nelle relazioni di coppia, ma anche nelle amicizie, in famiglia o persino sul lavoro.

Chi è interessato?

In breve: chiunque può essere colpito, di qualsiasi età e di qualsiasi sesso! Statisticamente, le donne sono più spesso vittime di questa violenza emotiva, ma il numero di uomini che ne soffrono è in aumento. I bambini possono anche diventare il bersaglio del gaslighting ed essere fatti sentire senza valore e non giusti dai loro genitori. In sostanza, si può affermare che le relazioni con un alto livello di fiducia offrono il maggior margine di attacco. È inoltre importante sottolineare che essere affetti non ha nulla a che vedere con l’intelligenza o l’ingenuità e non è quindi assolutamente un segno di debolezza.

ATTENZIONE ai seguenti segnali!

Le caratteristiche seguenti riassumono ancora una volta le caratteristiche più importanti del gaslighting:

1. mentire

I gaslighter spesso diffondono falsità alle vittime e al loro ambiente. Le persone colpite si trovano spesso in una posizione di giustificazione e hanno difficoltà a rimediare. Questo li fa apparire poco sinceri e spesso dà l’impressione che ci sia qualcosa di sbagliato in loro.

2. alterazione della realtà

I perpetratori ripetono le loro bugie così spesso che le vittime finiscono per crederci e per prenderle per vere e agire di conseguenza in futuro. Non di rado, poi, pensano a ogni parola per paura (come sempre) di essere fraintesi, oppure si scusano senza sapere esattamente cosa è stato fatto di sbagliato.

3. escalation

I gaslighter spesso attaccano le loro vittime quando queste mettono in discussione le loro bugie. Di conseguenza, vengono esposti ancora di più o vengono accusati di essere pazzi e di immaginarsi tutto. Questo si traduce in nuove insicurezze per le vittime: un circolo vizioso!

4. dipendenza

Gli autori di reato inducono i loro bersagli a una dipendenza emotiva facendoli sentire sempre insicuri e suggerendo loro che solo attraverso di loro possono ottenere il sostegno e la sicurezza di cui hanno bisogno.

5. Dimissioni

All’inizio, le persone colpite dal gaslighting spesso resistono e si confrontano con gli autori. Tuttavia, a causa della continuità della manipolazione, si rassegnano nel tempo e sono pieni di paura, pessimismo e dubbi.

6. false speranze

La tattica dei gaslighter consiste nell’alternare costantemente affetto e biasimo. I primi momenti fanno sempre sentire le vittime sicure e credono nella relazione, fino all’attacco successivo.

7. potere e controllo

Una posizione di potere e di dominio sono l’obiettivo degli autori e sono soddisfatti dalle insicurezze e dalle paure delle vittime. È il crescente rapporto di dipendenza che dà ai Gaslighter un senso di grandiosità.

I modi di dire tipici usati nel “gaslighting” includono.

La manipolazione dei gaslighter segue sempre gli stessi principi, come già detto: Mentire, negare, intimidire. Le persone colpite, ma anche i parenti, devono prestare particolare attenzione alle seguenti affermazioni:

  • “Non ho mai detto questo”.
  • “Tu stravolgi sempre qualsiasi fatto!”.
  • “Sembri un pazzo, te ne rendi conto, vero?”.
  • “Calmati. Sei sempre così drammatico!”.
  • “Anche tu prendi sempre tutto sul personale”.
  • “Se ti importasse davvero di me, ti comporteresti in modo diverso”.
  • “Ricordo che eri d’accordo”.
  • “Credo che tu abbia un estremo bisogno di aiuto”.
  • “Il problema non sono certo io. Cominciate da voi stessi!”.
  • “Sei completamente paranoico!”.
  • “Certo che te l’ho detto, te ne sei dimenticato di nuovo”.

Conseguenze spaventose per le persone colpite

I dubbi permanenti sulla propria percezione spesso sfociano in gravi malattie mentali. Oltre alla depressione, le vittime possono anche sviluppare disturbi d’ansia o addirittura pensieri suicidi. In caso di manipolazione a lungo termine, è persino possibile che si sviluppino disturbi da stress post-traumatico, disturbi dissociativi o persino disturbi della personalità evitante e non sicura di sé, come risultato della continua promozione del dubbio su se stessi. Nella maggior parte dei casi, le persone colpite hanno la sensazione di aver perso completamente il controllo sulla propria vita. I disturbi sopra citati possono anche essere seguiti da disturbi psicosomatici o fisici.

C’è sempre una via d’uscita

Il gaslighting è così pericoloso perché è difficile da riconoscere, sia da parte di chi ne è affetto sia da parte di chi lo circonda, e più a lungo dura la condizione, più diventa difficile liberarsi dalla relazione tossica con l’autore del reato. Per liberarsi da questi schemi di manipolazione o per interromperli è necessario molto coraggio e, se necessario, un supporto professionale. Quanto prima una persona è consapevole del processo, tanto più breve sarà la sofferenza e minori le conseguenze a lungo termine. Proprio per questo motivo, è molto importante prestare attenzione alle prime osservazioni e ai primi tentativi di manipolazione e agire attivamente contro di essi. Può essere di grande aiuto parlare dei propri dubbi con le persone vicine e non lasciare che si isolino in nessun caso. In caso di gaslighting, è necessario stabilire fin dall’inizio dei confini chiari e far capire agli autori che non sono obbligati a trattare con voi in questo modo e che devono essere allontanati. In questo caso, il proprio istinto è sempre un buon indicatore per capire se qualcosa non va in una relazione. In caso di dubbio, tenere un diario può essere utile per verificare in seguito cosa è stato realmente detto e cosa è successo. Purtroppo, le persone colpite spesso riconoscono la manipolazione del gaslighter solo a distanza di tempo e anche in questo caso può passare molto tempo prima che si possa ritenere che l’autore sia la persona che ha fatto qualcosa di sbagliato. In questi casi o se non è possibile uscire da soli da una relazione con un gaslighter, la psicoterapia è sempre utile. Psicoterapeuti qualificati possono aiutare la persona interessata a fare i conti con quanto è accaduto, a rafforzare nuovamente la fiducia in se stessa e ad attivare le risorse. In definitiva, è importante agire in qualsiasi momento e anche se l’uscita dal rapporto di presunta protezione sembra così irraggiungibile, è sempre l’unica opzione per recuperare la qualità della vita.

Riferimenti
  • Abramson, Kate: Accendere le luci sul gaslighting. Prospettive filosofiche (2014), numero 28.
  • Ni, Preston: Come gestire con successo i gaslighter e fermare il bullismo psicologico. Londra, 2017.
  • Sweet, Paige: La sociologia del gaslighting. American Sociological Review (2019), numero 85 (5).

Categorie: Non categorizzato

Limes Schlosskliniken
Autore Limes Schlosskliniken
"La LIMES Schlosskliniken è specializzata nel trattamento di malattie mentali e psicosomatiche. Con l'aiuto del blog, come gruppo della clinica desideriamo approfondire le varie malattie mentali e presentare le diverse terapie nonché i temi di attualità."

Condividi questo post